Il prezzo dei vini europei non potrà più essere lo stesso

23
Gennaio 2020
  • DI: italiancpafirms
  • ETICHETTA: DOCUMENTI, AFFARI, IMPOSTE
  • 01 COMMENTO
Dopo una dura giornata di lavoro non è raro che le persone di età superiore ai 21 anni gustino un bel bicchiere di vino. Anche se c'è una grande varietà di vini in base al tipo di uva utilizzata e prezzo, gli Americani riescono comunque a trovare il vino adatto a loro. 

Il vino consumato dagli Americani vedrà un aumento del prezzo a causa dei dazi imposti dal presidente Donald J Trump. 

Gli Stati Uniti hanno imposto una tassa del 25% sui vini europei, tassa che è stata messa in vigore dopo aver vinto il sostegno della World Trade Organization riguardo alla controversia sulle sovvenzioni in favore del costruttore di aerei Airbus.  

Gli Stati Uniti importano 2,07 miliardi di dollari di vino dall'Italia, il 17% in più rispetto al 2014. Gli Stati Uniti bevono sempre più vino, anche se le vendite di birra sono ancora più elevate del vino, il vino si avvicina sempre di più al primo posto. 

Coloro che ora amano bere vino dovranno trovare una nuova bevanda alcolica o fare i conti con i prezzi raddoppiati. Alcune bottiglie diventerebbero persino troppo costose da importare.  

In molti ancora non capiscono perché la disputa riguardo ad un aereo stia portando a tassare il vino, dato che le due cose sono entità separate. Molti ipotizzano che il Presidente Trump possa usare questa tassazione a proprio favore: è stato scoperto che il Presidente possiede un vigneto in Virginia. Il Presidente ha affermato che le persone possono sostituire i vini importati con vini coltivati negli Stati Uniti.  

Queste tariffe colpiranno in maniera molto negativa il 34% dei bevitori che preferiscono il vino.

E cosa ne pensano gli agricoltori americani negli Stati Uniti?

Ciò di cui il Presidente non si rende conto è che i dazi stanno influenzando anche la vita commerciale americana. I viticoltori californiani hanno discusso di questi dazi e pensano che tali misure non faranno altro che causare ritorsioni e non avranno successo nel convincere i bevitori di vino ad acquistare vino californiano. 

I consumatori hanno anche altre opzioni quando si tratta di vino. Ad esempio, non sono state imposte tasse sul vino proveniente dal Sud America o dalla Nuova Zelanda, che potrebbero quindi causare minori introiti per il vino prodotto negli Stati Uniti. 

Migliaia di persone si sono opposte a questa manovra, e hanno espresso i loro sentimenti per iscritto al rappresentante di US Trade, che gestisce la decisione e accettava le osservazioni fino al 13 gennaio. 

Molti importatori cercano di far capire al Presidente che queste tariffe avranno un enorme impatto sulle piccole imprese, sui lavoratori americani e sui consumatori.  

L'industria vinicola e gli uomini d'affari in tutta Europa e negli Stati Uniti hanno le dita incrociate affinché le tariffe non vengano applicate. La sorte dell'industria vinicola è incerta.

lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *

tets:
comment
© Copyright 2019 italiancpafirms | Tutti i diritti riservati.